Hero image

Perché è la nostra vita

News | 28. luglio 2022.
Da 28 anni insieme alla guida di EVVA, genitori e una coppia da lungo tempo: Nicole e Stefan Ehrlich-Adám raccontano in che modo affrontano la vita quotidiana nella loro azienda e nella loro vita privata.

Quali sono i vantaggi di un'azienda a conduzione familiare?

Nicole Ehrlich-Adám: Le aziende a conduzione familiare presentano dei vantaggi quando si tratta di combinare sostenibilità ed efficienza nel processo decisionale. Da un lato siamo testimoni dello sviluppo dell'azienda nel lungo periodo, anche nel corso di generazioni. Dall'altro, la rapidità della comunicazione ci consente di prendere decisioni anche molto velocemente se necessario. In ogni caso, affrontiamo i rischi aziendali con consapevolezza. La storia aziendale di EVVA è strettamente intrecciata alla storia della famiglia.

In che modo le aziende a conduzione familiare possono riuscire a rimanere così solide?

Stefan Ehrlich-Adám: Sicuramente non è possibile dare una risposta generale a questa domanda. Come qualsiasi altra azienda, anche quelle a conduzione familiare devono affrontare la concorrenza a livello nazionale e internazionale. In ogni caso un approccio potrebbe essere quello di concentrarsi sui propri punti di forza in termini di prospettive di pianificazione e capacità decisionali e di rifletterli nella struttura aziendale. È importante avere anche il coraggio di innovare, il che può risultare lungimirante, ma è anche associato a un alto grado di incertezza.

Quali sono, secondo Lei, le sfide peculiari che si trovano ad affrontare le aziende a conduzione familiare?

A livello teorico: mantenere il giusto equilibrio tra quanto sopra descritto, quindi concentrare l'attenzione sui dati economici e coinvolgere gli esperti interni ed esterni competenti per prendere insieme le decisioni migliori. Allo stesso modo, è necessario considerare attentamente in che misura le dimensioni dell'azienda consentono le opportune iniziative di sviluppo.

L'espansione di EVVA e la crescita della vostra famiglia vanno di pari passo. Come riuscite a gestire i confini?

Nicole Ehrlich-Adám: Da 28 anni siamo seduti insieme in un ufficio. Nel corso degli anni abbiamo imparato a separare la vita professionale da quella privata. 
Stefan Ehrlich-Adám: Tuttavia sarebbe falso se affermassimo che ci riusciamo sempre. EVVA fa semplicemente parte di noi. Alla sera il lavoro ci segue anche a casa. 
Nicole Ehrlich-Adám: Ma finora siamo sempre riusciti a trovare l'equilibrio.

Potete svelarci la vostra ricetta segreta?

Nicole Ehrlich-Adám: Apprezzo molto l'approccio collaborativo, il dialogo diretto e chiaro. Penso anche che ciò sia molto legato ai valori in cui crediamo: stima, rispetto e correttezza.
Stefan Ehrlich-Adám: Per noi di EVVA la comunicazione riveste un ruolo particolarmente importante. Soprattutto tra i nostri manager. Non ho bisogno che qualcuno mi dica qualcosa per farmi piacere. Apprezzo piuttosto lo scambio costruttivo.

Cosa distingue per voi le aziende a conduzione familiare dalle altre?

Nicole Ehrlich-Adám: Penso che lavoriamo con un approccio più consapevole. E anche la vicinanza tra imprenditori e collaboratori è sicuramente maggiore. Ogni giorno io sono presente e, anche se non posso vedere tutto, posso comunque percepire gli stati d'animo e accorgermi subito dei problemi. In questo modo anche la comunicazione risulta più rapida ed efficace.
Stefan Ehrlich-Adám: A mio parere le aziende a conduzione familiare sono più sostenibili. Vediamo lo sviluppo sul lungo periodo. Se un grande investimento come la costruzione di un edificio qui a Wienerberg richiede di dare priorità ai progetti, allora lo facciamo. Allo stesso tempo affrontiamo i rischi aziendali con consapevolezza. 

Entrambi siete ancora giovani. Avete comunque pensato a chi dopo di voi prenderà le redini dell'azienda?

Stefan Ehrlich-Adám: Noi siamo ancora qui ma ci affidiamo anche consapevolmente al nostro management. Prestazioni e fiducia sono prioritarie.

La continuità in famiglia dovrebbe essere assicurata...

Nicole Ehrlich-Adám: Vorrei che i nostri figli scegliessero liberamente la loro strada. Inoltre sono finiti i tempi in cui solo il nome della famiglia dava diritto a gestire l'azienda. Una laurea, altre esperienze professionali: sono questi i presupposti per assumere la direzione di EVVA.
Stefan Ehrlich-Adám: Un'azienda familiare preesistente non dovrebbe rappresentare un obbligo per le generazioni a dover lavorare in azienda. Deve esserci la volontà di contribuire a plasmare con successo il futuro dell'azienda, con nuove idee, nuove prospettive e tanta energia. Infine l'istruzione gioca naturalmente un ruolo importante nella capacità di dirigere un'azienda.

indietro
Lun - Ven:
dalle ore 9:00 alle 13:00 dalle ore 14:30 alle 18:30

+39 0422 919 192
oppure può scegliere di
essere ricontattato da noi
Compili il modulo di contatto oppure scriva direttamente a
infoitalia(at)evva.com